Microplastiche nelle creme solari

Microplastics in Sunscreens

Le microplastiche sono uno dei più importanti problemi sanitari e ambientali che dobbiamo affrontare oggi (1). Sono insidiosamente ovunque. Si fanno strada dai prodotti che consumiamo, entrano nel nostro corpo e ne escono di nuovo.


Sebbene siano quasi invisibili a occhio nudo, le microplastiche riempiono i nostri rifiuti solidi sulla terraferma e alla fine finiscono in mare. Quasi tutti i rifiuti di microplastica presenti nei nostri oceani hanno origine sulla terraferma (1), ma trovano casa nella zuppa di plastica dei nostri oceani.


Le microplastiche sono state collegate a rischi per la salute dei sistemi respiratorio, immunitario, riproduttivo e digestivo (2). Due microplastiche comuni che sono state collegate a genotossicità, citotossicità, danni al DNA, infiammazione e risposte immunologiche nell'uomo sono il polistirene e il cloruro di polivinile (PVC) (2). Entrambe queste sostanze chimiche sono utilizzate nei cosmetici per formare una pellicola sulla pelle o, per dirla in altro modo, per ricoprire la pelle con uno strato di plastica.


Le microplastiche vengono anche aggiunte intenzionalmente alle formulazioni delle creme solari per motivi quali l'impermeabilità o per tenere insieme il prodotto (3). Possono anche essere utilizzate come alternative economiche a ingredienti più costosi. È questo il caso delle sfere solari, che sono copolimeri stirene/acrilato che non assorbono le radiazioni UV, ma potenziano l'efficacia dei filtri UV organici attivi (4). Si tratta di perle polimeriche riempite di acqua che alla fine abbandona la particella, lasciando dietro di sé minuscole sfere piene d'aria (4). Queste sfere reindirizzano la luce solare verso i filtri UV effettivamente funzionanti, consentendo di utilizzare una quantità minore di filtri.


Quando si acquista una crema solare è importante verificare la presenza di un imballaggio in plastica, ma è anche fondamentale controllare all'interno il prodotto. Riduciamo questo disastro ambientale della plastica scegliendo prodotti completamente privi di plastica. Per maggiori informazioni consultate il sito sito web Beat the Microbead e scaricate la loro applicazione per fare un'indagine domestica su tutti i vostri prodotti per l'igiene personale.




  1. Golwala, Harmita, et al. "Rifiuti solidi: Una fonte trascurata di microplastiche nell'ambiente". Scienza dell'ambiente totale 769 (2021): 144581.
  2. Guerranti, C., et al. "Microplastiche nei cosmetici: Problemi ambientali e necessità di divieti globali". Tossicologia e farmacologia ambientale 68 (2019): 75-79.
  3. https://www.beatthemicrobead.org/72-of-sun-care-products-contain-microplastics/
  4. Kaimal, Sowmya e Anil Abraham. "Creme solari". Giornale indiano di dermatologia, venereologia e leprologia 77.2 (2011): 238.