Il futuro è senza acqua

The future is waterless

La scarsità di acqua dolce è un problema crescente a Ibiza e in molte altre parti del mondo. I prodotti senz'acqua possono aiutare questa situazione e, allo stesso tempo, sono migliori per la salute.

Sappiamo tutti che l'acqua dolce è una risorsa preziosa.

Come molti altri luoghi caldi del turismo del sole e della spiaggia, Ibiza non è estranea alla scarsità d'acqua. L'isola è considerata un sistema chiuso, il che significa che non ci sono afflussi di acqua dolce sull'isola; i residenti e i turisti devono dipendere dai torrenti d'acqua sotterranei che vengono riempiti dalle piogge (1). Il livello delle acque piovane varia nel corso degli anni, ma è costantemente al di sotto del livello necessario per soddisfare il fabbisogno idrico delle fabbisogno idrico delle abitazioni locali (2). Se a questa situazione di tensione si aggiungono alcuni milioni di turisti, si ottiene un'isola molto arida. Attualmente sono in funzione due impianti di desalinizzazione per integrare l'acqua piovana; tuttavia, entrambi sono alimentati da combustibili fossili, risolvendo un problema ma creandone un altro (3).

Purtroppo, la situazione di Ibiza è tutt'altro che unica.

Secondo le Nazioni Unite, nel 2025 circa 1,8 miliardi di persone saranno colpite dalla scarsità d'acqua (4). Non sorprende che la maggior parte dell'acqua che consumiamo sia destinata all'agricoltura e all'industria manifatturiera. In questa situazione, l'industria cosmetica svolge un doppio ruolo: consuma prodotti botanici provenienti dall'agricoltura e una vasta gamma di ingredienti provenienti dall'industria manifatturiera, compresa la plastica per il confezionamento. Non solo l'industria cosmetica è uno dei maggiori responsabili dell'inquinamento da plastica a livello mondiale, ma si sta scoprendo che contribuisce anche a un problema più insidioso, quello della scarsità d'acqua (5) (6).

Ecco perché è importante scegliere prodotti che non solo siano privi di plasticama anche senz'acqua.

Il futuro è senza acqua

Come possono aiutare i cosmetici senz'acqua?

Tutti i prodotti hanno un'impronta ecologica e la protezione solare non fa eccezione. Produrre qualsiasi cosa richiede risorse per formulare il prodotto fisico, il suo imballaggio, la spedizione e lo smaltimento.I prodotti senz'acqua occupano meno spazio, il che significa meno imballaggi e meno rifiuti. Inoltre, contengono quantità maggiori di principi attivi, senza bisogno di conservanti.

Se si osservano molti prodotti solari commerciali, si noterà che uno dei primi ingredienti è l'acqua. Nelle creme solari l'acqua viene mescolata con oli o burri per creare lozioni che forniscono principi attivi alla pelle a livelli tollerabili. L'acqua agisce anche come una sorta di solvente per gli ingredienti inattivi, consentendo loro di diffondersi facilmente sulla pelle. Tuttavia, alcune aziende utilizzano l'acqua per rendere più voluminosi i loro prodotti. Ciò significa imballaggi più grandi e prodotti più pesanti che richiedono più energia per essere prodotti, spediti e successivamente smaltiti.

Senza acqua non c'è bisogno di conservanti dannosi.

L'acqua è fonte di vita, ma purtroppo per molte creme solari questo significa anche vita dei batteri. Molti prodotti ricchi di acqua non sono stabili senza l'aggiunta di conservanti per uccidere i batteri e ridurre la crescita microbica.

L'uso di conservanti è stato collegato a disfunzioni del sistema immunitario e a disturbi riproduttivi (7).

Per questo motivo, in tutto il mondo esistono organismi di regolamentazione che stabiliscono limiti per l'uso di queste sostanze chimiche. Tuttavia, questi limiti non tengono conto del cosiddetto "effetto cocktail", cioè dell'effetto pericoloso che questi conservanti chimici possono avere sull'organismo quando vengono mescolati con altri prodotti chimici che i consumatori utilizzano non solo sulla pelle, ma anche in casa e negli alimenti (8). Come se non bastasse, c'è anche l'"effetto additivo", cioè l'accumulo di questi conservanti tossici nell'organismo a causa dell'esposizione ripetuta alla stessa sostanza chimica utilizzata in molti prodotti domestici diversi. Il modo migliore per affrontare questa situazione? Eliminare o ridurre l'uso di prodotti con conservanti, quando possibile.

È importante ricordare che nessun prodotto viene prodotto senza acqua in qualche parte della sua catena di approvvigionamento. L'uso di prodotti solari senz'acqua è un passo nella giusta direzione, ma sappiamo che uno stile di vita veramente sostenibile è un viaggio piuttosto che una destinazione. I piccoli cambiamenti si sommano, anche se a volte ci sembra che i nostri sforzi siano solo una goccia nell'oceano. Se facciamo ciò che è giusto per la nostra salute e per quella del nostro pianeta, quella goccia si moltiplicherà quando altri si uniranno a noi.

1. Fondo per la conservazione di Ibiza (2016) Ibiza Water Crisis 2015: ibiza Preservation Fund- Katherine Berry [video]. Recuperato da https://ibizapreservation.org/green-info/save-water/

2. Pérez, D.M.G.; Martín, J.M.M.; Martínez, J.M.G.; Sáez-Fernández, F.J. An Analysis of the Cost of Water Supply Linked to the Tourism Industry. Un'applicazione al caso dell'isola di Ibiza in Spagna. Acqua 2020, 12, 2006. https://doi.org/10.3390/w12072006

3. Fondo di conservazione di Ibiza (2015) Analisi della gestione delle acque nell'isola di Ibiza. Recuperato da https://ibizapreservation.org/wp-content/uploads/2018/03/ibiza_water_report_english.pdf

4. Nazioni Unite (2012) Decennio internazionale d'azione 2005-2015: ACQUA PER LA VITA. Recuperato da https://www.un.org/waterforlifedecade/scarcity.shtml

5. Federazione mondiale della fauna selvatica (2022) Scarsità d'acqua. Recuperato da https://www.worldwildlife.org/threats/water-scarcity

6. Nazioni Unite (2018) Rapporto sullo sviluppo idrico mondiale Soluzioni basate sulla natura per l'acqua. Recuperato da https://www.unwater.org/publications/world-water-development-report-2018/

7. Giulivo M, Lopez de Alda M, Capri E, Barceló D. Esposizione umana ai composti che alterano il sistema endocrino: il loro ruolo nei sistemi riproduttivi, nella sindrome metabolica e nel cancro al seno. Una rassegna. Ambiente Res 2016;151:251-264. doi: 10.1016/j.envres.2016.07.011.

8. Panico, A., Serio, F., Bagordo, F., Grassi, T., Idolo, A., DE Giorgi, M., Guido, M., Congedo, M., & DE Donno, A. (2019). Sicurezza della pelle e prevenzione della salute: una panoramica delle sostanze chimiche nei prodotti cosmetici. Rivista di medicina preventiva e igiene, 60(1), E50-E57. https://doi.org/10.15167/2421-4248/jpmh2019.60.1.1080