Che cos'è la protezione ad ampio spettro?

What is broad-spectrum protection?

Intorno a voi c'è energia che si muove in onde. Non potete vedere, toccare o sentire queste onde, ma sono essenziali per la vostra vita quotidiana. Ogni volta che si accende la radio, si usa il wifi o il cellulare, si attinge a un'energia elettromagnetica invisibile che viaggia a onde. Le onde elettromagnetiche vanno da quelle molto lunghe (onde radio) a quelle molto corte (raggi gamma). Alcuni di questi raggi, soprattutto quelli più corti, possono essere molto dannosi per la salute.

L'energia ultravioletta (UV) è praticamente invisibile a occhio nudo. Si trova ai margini dello spettro della luce visibile (appena entriamo nello spettro della luce incontriamo la famigerata luce blu). L'UV si divide in tre parti a seconda della sua gamma di lunghezze d'onda. Gli UVA sono 290-320 nm, gli UVB 320-400 nm e gli UVC 100-290 nm. Gli UVC non ci preoccupano, perché sono completamente filtrati dallo strato di ozono.


GliUVB costituiscono il 5-10% della radiazione UV e sono la causa principale delle scottature solari. Penetrano nei livelli superiori degli strati cutanei, stimolando la pelle a produrre più melanina e un'epidermide più spessa, che è ciò che riconosciamo come abbronzatura.


I raggiUVA, che costituiscono il 90-95% delle radiazioni UV, sono la causa principale dei danni cutanei a lungo termine, tra cui la perdita di elasticità e le rughe. Penetrano molto più profondamente nella pelle rispetto agli UVB e i loro effetti si manifestano molto più tardi rispetto agli effetti infiammatori immediati degli UVB. Gli UVA possono creare specie reattive dell'ossigeno (sostanze chimiche altamente reattive create da O2) che possono indirettamente danneggiare il nostro DNA.

Sia gli UVA che gli UVB svolgono un ruolo nel danneggiamento della pelle e nella formazione del cancro della pelle. Per una vera protezione solare è fondamentale proteggersi da entrambi i raggi UVA e UVB.


Quando un filtro UV blocca sia gli UVB che gli UVA, si tratta di una protezione a spettro completo.


È stato suggerito che l'uso di creme solari che bloccano solo i raggi UVB può effettivamente aumentare il rischio di cancro della pelle. Questo perché le creme solari che bloccano solo i raggi UVB bloccano il 5-10% dei raggi UV a cui ci si espone, impedendo allo stesso tempo alla pelle di bruciarsi e consentendo di sovraesporsi pericolosamente al 90-95% dei raggi UVA senza rendersene conto. Bloccando gli UVB si prevengono le infiammazioni cutanee e le scottature, segnali di avvertimento della natura che indicano che la pelle è gravemente danneggiata e che è necessario allontanarsi dal sole. Si potrebbe pensare ai filtri solari UVB come a degli antidolorifici che eliminano i sintomi senza affrontare la causa del disagio.


Molti filtri chimici (organici) non bloccano sia gli UVA che gli UVB e devono essere combinati per creare una protezione solare completa. Per quanto riguarda i filtri minerali, il biossido di titanio è molto bravo a bloccare gli UVB, ma non altrettanto a bloccare gli UVA. ma non è altrettanto efficace nel bloccare gli UVA.. L'ossido di zinco è il numero uno, in quanto blocca naturalmente sia i raggi UVA che UVB.

Quando si sceglie una protezione solare è importante non solo osservare i filtri UV utilizzati, ma anche verificare che il prodotto sia dichiarato ad ampio spettro. In caso contrario, si rischia di fare esattamente quello che non si vuole fare, cioè sovraesporre e danneggiare la pelle con i dannosi raggi UV.